Le Storie – Diario Italiano

Lo scorso 4 novembre alcune classi del Liceo Ginnasio Statale Virgilio di Roma hanno partecipato al programma televisivo trasmesso da Rai Tre Le Storie – Diario Italiano, condotto dal giornalista e scrittore Corrado Augias. Ospite della puntata è stato Don Antonio Sciortino, direttore del settimanale Famiglia Cristiana e autore del saggio Il limite, pubblicato da Laterza.

La crisi economica, le recenti manifestazioni studentesche italiane e la svalutazione del ruolo della donna sono stati i temi più discussi. Grazie ai servizi televisivi proposti da Augias e dalla sua redazione, Don Sciortino ha mostrato quanto il nostro Paese sia mutato nel corso di pochi anni e come molti tra questi cambiamenti stiano danneggiando irrimediabilmente l’Italia.
Gli studenti hanno potuto intervenire con domande e commenti, in modo tale da chiarire i dubbi ed esprimere le proprie opinioni riguardanti gli argomenti trattati nella puntata. Seconda ospite del programma è stata Chiara Saraceno, sociologa e scrittrice, assieme ad Emanuela Naldini, del saggio Conciliare famiglia e lavoro, pubblicato dalla casa editrice Il Mulino. Tema di questa seconda puntata è stato il ruolo della famiglia e in particolare della donna all’interno della società italiana, una questione controversa che ultimamente è stata motivo di numerosi dibattiti. Durante la trasmissione l’ospite ha discusso di come in Italia la figura femminile sia spesso considerata subordinata a quella dell’uomo e di quante ripercussioni possa avere sulla vita familiare e lavorativa delle donne.
Servendosi di documenti televisivi, Chiara Saraceno ha potuto mostrare quante difficoltà abbiano nel nostro Paese le donne madri e lavoratrici, confrontando inoltre la condizione femminile italiana con quella di altri Stati europei. Le domande e gli interventi avanzati dagli studenti alla sociologa hanno permesso loro di sviluppare un’accurata opinione su questo tema, in modo da poter avere una visione più ampia dell’argomento (Greta Belcaro).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *